Lesezeit: 6 Minuten

Reattivi, compatti e molto manovrabili: i carrelli elevatori sono carrelli industriali che si distinguono per versatilità nell’uso quotidiano. Nonostante i punti di forza, occorre comunque tenere presente che i carrelli elevatori possono costituire un rischio per la sicurezza, se utilizzati in modo improprio o se non si è sufficientemente qualificati per azionarli. Tale aspetto riguarda soprattutto l’eventuale ribaltamento del carrello durante le manovre di svolta e frenata, in curva, nei repentini cambi di direzione o in caso di spostamento del baricentro della merce trasportata. Inoltre va tenuto conto del fatto che durante la movimentazione dei carrelli elevatori, le forche sporgono anteriormente o lateralmente, ad una velocità che può raggiungere i 40 km/h.

Per ridurre al minimo il rischio di incidenti sia per il conducente che per eventuali persone presenti nell’area di manovra, i carrelli elevatori sono soggetti a speciali norme di sicurezza: la guida è infatti permessa solo se in possesso di una licenza speciale che si ottiene a seguito di un corso con istruzioni dettagliate, che va rinnovato regolarmente.

Nella presente guida alla sicurezza puoi scoprire di più sulle casistiche più comuni di incidente che coinvolgono i carrelli elevatori. Troverai anche utili consigli su come aumentare la sicurezza quando si utilizzano i carrelli elevatori, oltre a una panoramica sulle normative relative alla sicurezza sul lavoro nell’utilizzo dei carrelli elevatori.

Incidenti sul lavoro con carrelli elevatori: i rischi più comuni

La statistica infortuni 2019 dell’Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro (Inail), nel periodo che va dal 2002 al 2015, rileva più di 8.200 incidenti sul lavoro che coinvolgono carrelli elevatori. Nel periodo dal 2015 a oggi il numero annuo di incidenti con carrelli elevatori è in costante aumento. Le statistiche riportano tra le vittime sia il guidatore che persone presenti nell’area di manovra, che ammontano a quasi la metà del totale.

Le situazioni di incidente più comuni durante l’utilizzo di carrelli elevatori includono:

Casistiche di incidenteCause
Collisioni in cui il carrello elevatore colpisce una terza persona• Velocità eccessiva
• Visibilità insufficiente
• Assenza di marcatura del pavimento
• Corsie strette e aree di manovra limitate
• Disattenzione o negligenza da parte del conducente o della parte lesa
Il carrello elevatore si inclina durante il sollevamento del carico o in curva• Superamento della capacità di carico consentita
• Distribuzione del carico irregolare
• Velocità troppo alta
Il carico cade• Protezione insufficiente del carico
• Distacco di piccole parti
• Difetti nell’imballaggio 
Lesioni alle articolazioni, ai tendini e ai legamenti quando si sale o si scende dal carrello elevatore• Smontaggio da grande altezza
• Irregolarità nel terreno
• Scivolamento sui gradini

Quando si verifica il ribaltamento di un carrello elevatore ribaltabile, le lesioni durante la salita e la discesa colpiscono per lo più il conducente ma la caduta di carichi e le collisioni mettono principalmente in pericolo le terze parti, coinvolte in modo indiretto. Per questo motivo è importante che non solo i conducenti dei carrelli elevatori ricevano regolari istruzioni di sicurezza ma anche che tutti i dipendenti nei magazzini e nei capannoni di produzione con carrelli elevatori siano informati dei pericoli da un addetto alla sicurezza e che la segnaletica di sicurezza sia visibile e li avverta di prestare attenzione.

Prevenzione degli incidenti: consigli per carrelli elevatori, operatori e personale

Sulla base delle cause menzionate relative ai più comuni incidenti, si deducono aspetti importanti nella movimentazione di carrelli elevatori e si evidenziano le situazioni particolarmente pericolose. Ecco come aumentare la sicurezza per i tuoi dipendenti nelle aree aziendali con movimentazione di carrelli elevatori:

  1. I carrelli elevatori vanno utilizzati solo da persone autorizzate con formazione adeguata e autorizzazione scritta:

    È importante proteggere il carrello da accessi non autorizzati estraendo sempre la chiave e conservandola in un luogo sicuro. A seconda del modello e della tipologia, il carrello elevatore può anche essere protetto contro l’accesso non autorizzato tramite chip card o codici PIN.

  2. Garantire l’addestramento sulla sicurezza e l’aggiornamento per tutti i conducenti del carrello elevatore:

    Le istruzioni dettagliate e regolari ricordano ai dipendenti quali norme di sicurezza si applicano durante la movimentazione dei carrelli elevatori, e in che modo essere dovranno essere implementate.

  3. Stilare le istruzioni operative sul comportamento nelle aree di lavoro nelle quali si manovrano carrelli elevatori:

    Le istruzioni dettagliate servono come base per la formazione di tutti i dipendenti e dovranno quindi essere affisse in maniera appropriata in azienda.

  4. Prestare attenzione agli adeguati dispositivi di protezione individuale nell’ambiente di lavoro:

    Sono incluse protezioni di sicurezza come casco, scarpe antinfortunistiche e gilet di segnalazione.

  5. Effettuare un controllo visivo e funzionale quotidiano del carrello prima dell’inizio dei lavori:

    In questo modo i difetti tecnici possono essere rilevati in anticipo e il carrello elevatore difettoso può essere messo fuori servizio, se necessario.

  6. Effettuare riparazioni e interventi di manutenzione regolari:

    Il produttore o un’azienda certificata esegue l’ispezione annuale (ispezione FEM/ISPESL) e i lavori di manutenzione nell’ambito dei contratti di manutenzione in modo che il carrello elevatore funzioni correttamente.

  7. Assicurare un utilizzo corretto e rispettare la segnaletica aziendale:

    Le vie di circolazione dovranno essere sufficientemente larghe, vanno mantenute libere da ostacoli e occorre che siano rese sicure attraverso l’utilizzo di segnaletica orizzontale e di avvertimento adeguata. Se i corridoi sono utilizzati contemporaneamente come vie di trasporto e marciapiedi, si consiglia di installare delle apposite barriere. Gli specchietti panoramici agli incroci eviteranno il rischio di collisioni. L’uso aggiuntivo del clacson durante la svolta può essere utile per avvertire i dipendenti.

  8. Rispettare i limiti di velocità:

    Il carrello elevatore deve essere movimentato all’interno dell’azienda ad una velocità massima di 8 km/h (o inferiore se il carico è pesante), in modo da poter frenare immediatamente in caso di ostacoli imprevisti.

  9. Garantire una buona visibilità:

    Occorre assicurarsi di guidare il carrello elevatore sempre con il carico abbassato. Se il campo visivo è comunque limitato, il carrello va movimentato con estrema cautela. Anche in presenza di una buona illuminazione è buona norma tenere accesi i fari del carrello elevatore per sicurezza.

  10. Evitare il rischio di ribaltamento:

    Il carrello dovrebbe essere spostato solo con il carico abbassato. Rampe e pendii devono essere affrontati diritti e le discese sono meglio affrontate all’indietro. Per evitare che i carrelli elevatori si ribaltino in curva, in questo caso si consiglia anche una velocità di guida ridotta.

  11. Il carico deve essere adeguatamente assicurato:

    A seconda del tipo di carico, lo si può assicurare con cinghie o mediante un film estensibile. Prima di prelevare con le forche, è necessario verificare l’integrità dei pallet e del loro carico. Le gommature antiscivolo proteggono ulteriormente la merce trasportata e contribuiscono ad aumentare la sicurezza sul lavoro.

  12. Utilizzare gli assistenti elettronici alla guida:

    Utili a migliorare la sicurezza emettendo segnali di avvertimento in caso di rischio di ribaltamento, collisione o caduta.

Norme legali per la sicurezza dei carrelli elevatori

La base legale più importante per la manutenzione di carrelli elevatori e altri carrelli industriali è costituita dalle linee guida ISPESL e dal regolamento antinfortunistico contenuto nel Decreto legislativo 81 del 2008. Per l’uso sicuro dei carrelli elevatori il dipendente deve essere maggiorenne e deve essere in possesso di una speciale licenza di guida, oltre a conoscere il funzionamento dello specifico veicolo e ottenere il permesso dell’azienda per l’utilizzo.

Puoi ottenere la licenza per carrelli elevatori (colloquialmente nota come patentino per muletti) nei centri di formazione di ordini e collegi professionali, Inail e sindacati, aziende che distribuiscono i carrelli elevatori, enti regionali e provinciali, o altri soggetti formatori accreditati. La base giuridica è stabilita dal D.Lgs 81/ 08 e dalle circolari del Ministero del Lavoro n. 12 dell’11 Marzo 2013 e n. 21 del 10 Giugno 2013.

Un uomo che fa retromarcia con un carrello elevatore carico.

Il regolamento ISPESL e i contenuti del corso di formazione per carrellisti disciplinano anche tutti gli aspetti di cui è necessario tenere conto, per un uso responsabile e sicuro dei carrelli elevatori. Sono compresi:

  • Stabilità
  • Portata carrello elevatore
  • Fissaggio del carico
  • Comportamento alla guida (durante carico e scarico)
  • Prelievo, deposito e stoccaggio dei carichi
  • Salita e discesa
  • Spegnimento e messa in sicurezza del carrello elevatore
  • Regolamento del traffico nel magazzino e nella fabbrica (larghezza corsia richiesta, comportamento in corsie strette)
  • Controllo giornaliero del funzionamento prima del lavoro
  • Controllo visivo e funzionale annuale da parte di esperti (test FEM – ISPESL)

Osservando le dettagliate norme di sicurezza, potrai contribuire efficacemente a prevenire eventuali incidenti che coinvolgono i carrelli elevatori nella tua azienda.

Domande frequenti sulla sicurezza carrelli elevatori

Cosa mette in pericolo la sicurezza durante l’utilizzo del carrello elevatore?

La maggior parte degli incidenti sul lavoro che coinvolgono carrelli elevatori è dovuta a scarsa visibilità, superamento della capacità massima di carico, errata distribuzione dei carichi, errori nel fissaggio del carico, velocità eccessiva. Tali circostanze rappresentano fattori principali che causano collisioni, cadute accidentali dei carichi o ribaltamento del carrello elevatore.

Cosa si consiglia per aumentare la sicurezza durante l’utilizzo del carrello elevatore?

È fondamentale che il personale sia qualificato e opportunamente preparato; occorre effettuare i controlli periodici per verificare la funzionalità del carrello elevatore e rispettare le norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Inoltre, un’attenta messa in sicurezza del carico e una guida prudente all’interno dell’azienda riducono notevolmente il rischio di incidenti.

Quali norme regolano l’uso dei carrelli elevatori?

Il decreto legislativo 81/ 2008 e successive modificazioni, tra cui il Testo Unico Salute e Sicurezza stabiliscono le norme per la formazione e la messa in servizio dei conducenti. Per le verifiche periodiche dei carrelli elevatori è possibile consultare la “Linea guida per il controllo periodico dello stato di manutenzione ed efficienza dei carrelli elevatori e delle relative attrezzature” dettata dall’Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza sul Lavoro (ISPESL).

Nota bene: le normative menzionate in questo articolo rappresentano soltanto una selezione dei requisiti legali più importanti. Per informazioni più dettagliate ed aggiornate ti invitiamo a consultare i testi di legge. Nel caso di dubbi riguardo la corretta applicazione delle disposizioni di legge ti consigliamo sempre di rivolgerti a degli esperti.

Fonte dell’immagine: JH AG